Un percorso tra materia, spirito, coscienza e verità

Il processo del risveglio è un processo ruvido e distruttivo
– non esiste alternativa – 

dal Sitio Web SimpleCapacity traduzione di Adela Kaufmann
Versione originale in inglese 

Molte persone vorrebbero credere che il processo di risveglio sia glorioso.

Che il sentiero è pieno di luce e devi solo seguirlo per raggiungere il Divino. Anche se molti falsi guru possono volere che tu ci creda, se vuoi veramente svegliarti, dovrai abbandonare completamente quella nozione.

Il risveglio è difficile, è crudele e disordinato e non esiste un modo indiretto per arrivare a quel punto senza sporcarsi prima.

Senza nemmeno rendercene conto, abbiamo interiorizzato così tante idee sbagliate sul mondo e su noi stessi. Siamo così abituati all’ascolto, alla credenza e alla ricreazione delle bugie che abbiamo dimenticato dove finisce la realtà e comincia la fantasia.

E anche se recuperiamo il senso e realizziamo la verità, la maggior parte delle volte non siamo disposti a rinunciare a quelle bugie.

È troppo comodo gongolarsi pensando di essere svegli solo a causa della nostra visione. Ma il vero risveglio si verifica quando siamo in grado di smantellare completamente noi stessi e abbandonare tutte le bugie, e finalmente possiamo iniziare il processo di ricostruzione.

Può essere molto difficile liberarsi di queste bugie perché nel tempo si sono incorporate nel nostro senso del sé. Senza di loro, non sapremmo dove siamo.

Abbiamo sopportato tanta resistenza perché siamo rigidi con questa nostra identità. Ma dimentichiamo che si basa anche sulle falsità.

Il modo per iniziare il processo di risveglio, è quello di arrenderci completamente a questo senso di noi stessi e arrenderci all’oblio di non sapere chi siamo. Non è facile e diventa molto doloroso e difficile da gestire con così tante cose.

Ma, per quanto sia schiacciante, è il primo passo e dobbiamo fare il salto.

Quando ciò accade, vediamo che il mondo in cui crediamo crolla intorno a noi. Tutte le nostre relazioni e amicizie e tutte le altre cose che abbiamo raggiunto sembrano inutili e false.

Questo, di per sé, è abbastanza per schiacciare chiunque, ma continuiamo a lottare contro quella sensazione che nulla di ciò che credevamo fosse vero. Ed è una lotta difficile perché non si potrà mai vincere.

L’unica opzione che abbiamo è di arrendersi alla sofferenza. Una volta che si smette di combattere contro l’inevitabile e si accetta l’oblio, possiamo finalmente avanzare dagli ultimi pezzi di ornamenti e bugie.

Sarà difficile e per molti giorni tutto sembrerà tetro e desolato.

Ma se ti impadronisci, un giorno, la luce tornerà alla tua vita. E quando entri in questa luce, finalmente inizierà a dare un senso. Dove inizialmente pensavi di essere vuoto e sterile, troverai una fonte eterna di amore.

Questo amore è ciò che connette tutti gli esseri nell’Universo e attraversa ognuno di noi. Ti sentirai immediatamente parte di tutto e allo stesso tempo a distanza da tutto.

Il percorso di Siddharta verso se stessi non è facile da percorrere.

Il tuo più grande nemico è la tua mente che è stata sottoposta a così tante illusioni che non può più dire quale sia la verità e cosa non sia. Non solo, ma non ci sono amici o persone care che possono viaggiare con te perché loro stessi sono delusi.

I tuoi unici strumenti sono la tua sicurezza e il tuo coraggio. A meno che tu non sia pronto a distruggere te stesso, non sarai in grado di trovarti. Sarai messo alla prova oltre la tua resistenza e non molti sopravviveranno.

Quindi pensaci.

Sei pronto a dare ciò che è necessario e non tornare mai indietro dalla tua missione, non importa cosa …?

¤¤¤¤¤֍¤¤¤¤¤

L’uomo con il cervello più piccolo del mondo … scopre il segreto della coscienza

dal Sito Web PijamaSurf 

Non si tratta di materia – come quantità – ma piuttosto è la connessione tra materia e spirito – o coscienza – cosa consente il funzionamento ottimale di un individuo …

Con più di 100 miliardi di neuroni che usano più di 30 mila geni collegati per formare un miliardo di connessioni per millimetro cubico di corteccia cerebrale, il cervello è considerato uno degli elementi più ipnotici del corpo umano.

In realtà, si dice che la sua complessità permetta la sopravvivenza del corpo stesso, così come il corretto funzionamento dei processi cognitivi – linguaggio, immaginazione, coscienza … – ed emotività.

Tuttavia, dal 2003 è emerso un caso clinico che ha lasciato senza parole il mondo della medicina.

Si tratta di un uomo che, lamentandosi di un dolore alle gambe, ha provocato una scansione del cervello e un cervello che occupava poco meno del 10 percento della cavità cranica.

Cioè, un cranio pieno di liquido e una regione molto piccola di massa cerebrale.

Secondo la sua storia clinica, il personaggio ha sofferto durante i suoi primi anni di vita di idrocefalo – accumulo di liquido all’interno del cranio – e dopo anni di trattamento il suo cervello era,

“relegato alle pareti della cavità cranica”.

La società medica aveva ipotizzato che gli effetti sulla vita generale del bambino sarebbero stati seri.

Tuttavia, col passare del tempo, è stato in grado di condurre una vita completamente normale: lavora come impiegato statale, è felicemente sposato e ha due figli.

In altre parole, è una persona in piena consapevolezza di se stesso e della sua realtà.

Secondo i ricercatori, questo è dovuto al fatto che la possibile posizione nel cervello della coscienza si trova in una regione molto specifica senza aver ricevuto alcun danno apparente dalla situazione.

Mentre per uno dei ricercatori, Axel Cleeremans, uno psicologo presso la Libera Università di Bruxelles, in Belgio,

“la posizione della coscienza può essere flessibile e può essere appresa da diverse regioni del cervello”, è ancora un’ipotesi che resta da indagare in profondità. fonte

Per ora, questa ipotesi è coerente con quella evidenziata anni fa come neuroplasticità, la capacità del cervello di adattarsi ai cambiamenti e assumere nuovi ruoli in caso di infortunio.

Grazie a ciò, Cleeremans spiega che le dimensioni del cervello non contano:

“La materia grigia che ha è sufficiente per creare un’immagine di se stesso, il che significa che l’uomo è ancora consapevole delle sue azioni”.

Quindi si potrebbe considerare che non è la materia – come quantità – ma la connessione tra materia e spirito – o coscienza – che consente il funzionamento ottimale di un individuo.

Dal perfetto equilibrio tra questi ultimi due elementi per liberare le paure, superare gli ostacoli e scoprire i misteri del corpo umano.


Fonte: bibliotecapleyades.net
Tratto da: bibliotecapleyades.net
Per leggere altro torna in prima pagina

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*