Tutti “glifosatizzati”: La storia vi giudicherà, signori e signore

La data di lunedì 27 novembre 2017 segna una pietra nera nel calendario europeo di ladri e farabutti: la Commissione europea ha votato il rinnovo per 5 anni dell’autorizzazione all’uso del glifosato, un prodotto tossico, cancerogeno e superfluo (“conforto”, dicono) prodotto dalla piovra  Monsanto-Bayer.

Così, i rappresentanti di 18 dei 28 Stati membri dell’UE hanno votato a favore, correndo il grave rischio di essere incriminati un giorno per complicità nei crimini contro l’umanità e la natura, mentre gli altri 9 hanno avuto la decenza di votare contro, e uno si è astenuto.

La campagna aggressiva guidata dagli oppositori del glifosato ha comunque portato a casa una semi-vittoria: inizialmente si trattava di rinnovare l’autorizzazione per 15 anni. E il voto ha appena superato (0,71%) il 65% della popolazione “rappresentata” necessaria per la maggioranza.

Voto del glifosato 2

Il lavoro di lobbying della piovra produttrice del RoundUp – che vende tra i 4-5 miliardi di euro all’anno nel mondo – si è dimostrato più forte di quello delgli anti-glifo: questione di media (Golia contro Davide)

glifosato

Se in questo caso la palma della lingua biforcuta viene restituita alla Germania Merkeliana, quello del gesuitismo ritorna a Macron, il presidente geneticamente modificato francese: ha promesso il divieto del glifosato “non appena saranno trovate alternative, e non oltre tre anni”. Hey Manu, ci vogliono tre anni per assumere diserbatrici ed estirpatori? Questa è già l’alternativa, non c’è bisogno di cercare oltre.

Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli


Fonte: tlaxcala-int.org
Per leggere altro torna in prima pagina

Print Friendly, PDF & Email

2 pensieri su “Tutti “glifosatizzati”: La storia vi giudicherà, signori e signore

  1. @Gentili & attenti LETTORI,

    di TUTTI gli STATI che hanno votato a favore del GLIFOSATO quello che mi ha più meravigliato in NEGATIVO è l’ UNGHERIA dell’ anti EUROPEISTA & SISTEMA il Primo Ministro ORBAN, della GERMANIA il voto a favore era scontato avendo dietro la potente multinazionale del “farmaco” e della “chimica” la BAYER fusa ormai con la ormai tanto discussa MONSANTO;

    vivendo poi in FVG un certo disappunto lo manifesto anche verso la “vicina” SLOVENIA un piccolo STATO che gravita storicamente nell’ orbita della MITTELEUROPA=AUSTRIA, che invece coerentemente con la sua POLITICA sul BIOLOGICO & AMBIENTE ha votato contro questa scelta gravida di grosse incognite & ricadute “salutistiche & ambientali”;

    abbiamo quindi perso un importante BATTAGLIA ma NON ancora la “GUERRA” personalmente mi impegnerò assieme a molti di VOI a “formare” una linea del PIAVE(= guerra del 1915/18), per resistere ad altri massicci attacchi del POTERE GLOBALE come quelli del C.E.T.A. e l’ importazione del grano canadese “inquinato” dal GLIFOSATO;

    ma come !? la mia FAMIGLIA e la numerosa cerchia AMICALE eviteranno di consumare la PASTA & i PRODOTTI con residui di questo tanto discusso diserbante-disseccante, acquisteremo SOLO prodotti BIO certificati GLIFOSATO FREE o di farine di GRANO duro ITALIANO e vedremo se ripeteremo il piccolo “miracolo” della riduzione/rinuncia dell’ OLIO di PALMA !!!

    l’ UNIONE fa la FORZA=lo testimonia la STORIA

    SDEI

    • Perfettamente d’accordo! L’unione fa la forza. Abbiamo sempre sostenuto la necessità di poter raggiungere la “massa critica” per poter cambiare le cose. Sappiamo che il potere va colpito laddove è il suo punto debole: il denaro!
      Quindi coraggio, mettiamo un pò di attenzione quando facciamo la spesa, compriamo solo quello che ci necessita veramente e pian piano avremo successo.
      Buona serata a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*