A GEORGE SOROS IL DIVIETO DI OPERARE IN AUSTRIA

Hai 28 giorni per andartene

SOROS

Il leader più giovane del mondo, il neo-eletto Sebastian Kurz, non perde tempo e si rivolge a George Soros: l’obbligo imposto è quello di cessare qualsiasi operazione ad opera della sua Open Society Foundation in Austria entro 28 giorni. L’alternativa è andare incontro ad un’azione legale per “tentata minaccia alla democrazia della nazione”.

Secondo il portale di informazione indipendente YourNewswire, il trentunenne Sebastian Kurz, il leader austriaco più giovane di sempre, avrebbe parlato ai suoi colleghi della necessità di agire immediatamente, a seguito della notizia per cui George Soros ha donato $18 miliardi del suo patrimonio da $24 miliardi alla Open Society Foundation, fondazione di proprietà dello stesso Soros.

«La situazione è diventata critica»,

ha detto Kurz.

«Soros sta versando tutto ciò che ha dietro alla sua spinta per (ottenere) il controllo mondiale. La disinformazione e la manipolazione dei media sono già aumentate esponenzialmente durante la notte. Non abbiamo spazio per la compiacenza».

Kurz, che si autodefinisce un fan delle cospirazione e sostiene di essere stato illuminato dal film Loose Change sull’11 settembre, afferma di aver compreso pienamente l’agenda di Soros e dichiara che «non esiste alcun modo per cui questo paese sarà la sua quinta vittima».
Il neo-cancelliere austriaco si riferisce al numero delle economie nazionali che Soros ha fatto quasi fallire per ottenere enormi profitti personali e una forte influenza politica.

Interrogato sul perché voglia bannare la Fondazione Open Society di George Soros dall’Austria, Kurz ha risposto: «Perché è il 2017».

La notizia per cui Soros ha versato il 75% della sua fortuna per sostenere la sua agenda politica e sociale ha causato onde d’urto in tutto il mondo: molti leader eletti democraticamente temono che il peso dei suoi miliardi, usato per comprare politici e giornalisti, possa essere difficile da combattere.

Kurz è d’accordo. Ed è questo il motivo per cui avrebbe optato per un’azione rapida:

“Lo spettro di Soros è la sfida più grande che l’umanità affronta nel mondo nel 2017. È un grande calamaro vampiro avvolto attorno al volto dell’umanità, che inserisce inesorabilmente il suo imbuto di sangue in qualsiasi cosa che odori di denaro, usando questi soldi per corrompere politici, giornalisti e il settore pubblico, tentando di creare il mondo alla sua immagine.

Il popolo austriaco ha rifiutato il Nuovo Ordine Mondiale ed è mio dovere e mio privilegio difendere la sua volontà”.


Fonte: stopeuro.news
Tratto da: money.it
Per leggere altro torna in prima pagina

Print Friendly, PDF & Email

Un pensiero su “A GEORGE SOROS IL DIVIETO DI OPERARE IN AUSTRIA

  1. Perfetto!
    Ad averli politici simili in questa nostra povera Patria gestita da incompetenti senza scrupoli e svenduta a chiunque ne voglia un pezzo..
    Non è facile combattere contro questa gente ed il coraggio di questo giovane è davvero ammirevole.
    Il suo predecessore ha pagato caro il suo non allineamento..
    Un forte pensiero positivo di sostegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*